Cosa si fa in seduta?



Ogni studente che riscontra difficoltà dell'attività di lettura e scrittura è un universo a sè stante: la molteplicità degli aspetti che influenzano la prestazione e le numerose sfacettature che i DSA hanno nel loro manifestarsi fanno sì che ogni caso sia trattato in modo totalmente personalizzato.


Prima di rivolgersi al pedagogista, in genere è consigliabile effettuare una valutazione dettagliata da un professionista abilitato: solitamente può essere il neuropsichiatra competente della ASL o uno psicologo.
Alla luce di tale valutazione, il pedagogista struttura il suo lavoro: è infatti estremamente importante potersi avvalere di una diagnosi affidabile prima di procedere con le sedute riabilitative.
Solitamente non ci sono tempi standard per il trattamento: tutto dipende dalla gravità del deficit, dall'età dello studente e ovviamente dalle sue capacità di recupero.
Il percorso inizia per tutti i casi con qualche seduta di accertamento: vengono cioè proposti esercizi standarizzati, atti ad inquadrare la situazione nel modo più dettagliato possibile e ad indagare la gravità delle difficoltà riscontrate.
Successivamente, si procede con le vere e proprie sedute riabilitative: vengono strutturate sedute mirate alla specificità del deficit di ogni studente, tenendo particolarmente presente le sue attitudini, le sue preferenze, il suo carattere.
I materiali utilizzati sono principalmente software didattici, che proponendo gli esercizi in maniera divertente aumentano la motivazione e facilitano l'apprendimento. Durante la seduta vengono inoltre proposti test di comprensione di alto livello, che hanno il compito di accompagnare lo studente nell'elaborazione dei testi, nella comprensione degli stessi con guide dettagliate, esercizi diveretenti e stimolanti.
Infine lo Studio dedica una particolare attenzione alla lettura di testi narrativi, fondamentali per avvicinare gli studenti al piacere della lettura e per stimolare ad esercitarsi nonostante le difficoltà.